CON LE RINNOVABILI RISPARMIO DI 18 TRILIONI DI DOLLARI

aggressivi nel settore delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica che potranno assicurare un mercato di 360 miliardi di dollari l'anno per l'industria, produrre il 50% dell'elettricita' mondiale e far risparmiare in futuro 18 trilioni di dollari di carburanti. Potrà anche esere affrontato e risolto il problema dell'importante domanda energetica che perverrà da grandi paesi emergenti come Cina e India.
Il rapporto mostra anche come sia possibile risparmiare mantenendo lo sviluppo economico mondiale senza produrre effetti disastrosi per il clima. Con rigorosi standard si puo' ridurre in modo drastico il consumo, lasciando così spazio ad opportunità di sviluppo energetico nelle economie energenti. La quadruplicazione delle energie rinnovabili in tutti i settori permetterà di ridurre in modo drastico le emissioni, dalle attuali quattro tonnellate a persona ad una tonnellata nel 2050. Tutto ciò, ovviamente, avrà effetti positivi dal punto di vista economico. Lo studio valuta che i costi addizionali per i carburanti fossili fino al 2030 saranno di circa 16  trilioni, piu' di quanto si spenderebbe per mettere in atto la rivoluzione, senza contare che dal 2030 in poi le fonti di energia rinnovabile produrrebbero elettricità senza ulteriori costi di carburante e creando, quindi, numerosi posti di lavoro. Il mercato globale delle rinnovabili puo' crescere fino al 2050 a tassi a due cifre e superare la dimensione dell'attuale industria dei carburanti fossili.
Attualmente tale mercato vale 70 miliardi di dollari e raddoppia di volume ogni tre anni. Lo studio sostiene che le economie di scala realizzate per alcune rinnovabili, come l'eolico, le rendono già competitive con le convenzionali e che l'industria è in grado di produrre le quantità richieste per far diventare una realtà la rivoluzione energetica. Le uniche barriere sono quelle politiche, afferma il documento, secondo cui i tempi stringono, soprattutto per prendere decisioni chiave relative alle infrastrutture.
Cifa Italia Logo