FON.AR.COM.: PUBBLICATI 2 AVVISI RIGUARDANTI UNO SRANZIAMENTO DI OLTRE 3 MILIONI DI EURO A SOSTEGNO DELLA FORMAZIONE ALLE AZIENDE ED AI LORO DIPENDENTI.

3.372.000 euro a sostegno della formazione alle aziende e ai loro lavoratori. "Si fa sempre più concreta la volontà di soddisfare al meglio le necessità formative delle aziende a noi aderenti" questo è quanto dichiarato in proposito dal Presidente Fon.AR.Com Andrea Cafà.
Fon.AR.Com, negli ultimi due anni ha finanziato ed impegnato risorse per circa 7.000.000,00 di euro e questo ulteriore contributo è la dimostrazione dell'impegno e della volontà delle Parti Sociali nel sostenere la domanda di formazione delle aziende e del loro capitale umano. Delle risorse impegnate 372.000,00 euro sono destinate a finanziare voucher, mentre i restanti tre milioni sono destinati a interventi nell'ambito delle priorità definite dalla Cifa e dalla Confsal: sicurezza, innovazione ed internazionalizzazione.
I Piani Formativi presentati per voucher scadono a fine Luglio. Questo per consentire una maggiore e più approfondita ricerca di opportunità formative adeguate ai bisogni delle aziende. Sempre in tema di voucher anche questa volta il Fondo ha voluto sottolineare il proprio interesse ai temi della Informazione. "Riteniamo l'Informazione" sottolinea Marco Paolo Nigi, Vice Presidente, "ed ovviamente le Nuove Tecnologie, determinanti per la qualità della Formazione Continua".
Come indicato dalle norme in materia di Fondi Interprofessionali, le aziende o gli Enti di Formazione debbono richiedere preventivamente alla presentazione a Fon.AR.Com il parere delle Parti Sociali sui loro progetti. Ciò è possibile scaricando la documentazione qui presente o accedendo al sito del Fondo, www.fonarcom.it, nella sezione Avvisi.
Per quanto riguarda l'Avviso sono previste tre scadenze successive, da Maggio a Ottobre. Si è cercato così di offrire tempo ai vari territori per programmare le azioni formative "perché, sempre più, lavorare con la micro e piccola impresa significa guardare con molta attenzione ai contesti locali così come" prosegue il Presidente Cafà "i nostri strumenti operativi e di cofinanziamento debbono poter essere capaci di rispondere anche alle richieste delle Medie e Grandi Imprese". Come nel precedente Avviso 1/09 anche quelli appena pubblicati fanno esplicito riferimento ai lavoratori e alle aziende in crisi. "La dispersione di capitale umano non ha solo conseguenze sulla vita dei lavoratori e delle loro famiglie" conclude il Prof. Nigi "ma spesso sono esperienza, capacità e competenza che vanno perse ed è molto chiaro quanto la Formazione sia uno strumento in grado di contribuire alla emergenza crisi pur nei suoi limiti di strumento finalizzato".

Parere Parti Sociali Avviso 1/2010
Scheda Parti Sociali Avviso 2/2010
Cifa Italia Logo