Apprendistato: lo schema del decreto legislativo approvato dal GovernoLo scorso 5 maggio, il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema del decreto legislativo nel quale l’apprendistato verrà disciplinato come un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato all’occupazione e alla formazione dei giovani.
La bozza di decreto, che per motivi di semplificazione contiene soltanto 7 articoli, sarà sottoposta alla Conferenza unificata delle Regioni dopo l’eventuale approvazione dei

Continua a leggere...

INPS: Comunicazione Unica per la nascita d’Impresa per le aziende agricole autonomeL’INPS ha diffuso le nuove procedure relative alla Comunicazione Unica per la nascita d’Impresa per le aziende agricole autonome. Il messaggio n. 10347 del 9 maggio 2011 illustra le implementazioni delle nuove funzionalità e la possibilità di gestire esclusivamente con modalità telematica, le istanze di:

- variazione del nucleo CD che comporti nuova iscrizione di un componente il nucleo;

Continua a leggere...

Ccnl Commercio, Distribuzione e Servizi - Rinnovo 2011Il giorno 10 febbraio 2011 è stato revisionato il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti del terziario: commercio, distribuzione e servizi anche in forma cooperativa” tra FEDARCOM  (Federazione Nazionale Autonoma Rappresentanti, Commercianti, Operatori del Turismo, Artigiani e PMI)  CIFA

Continua a leggere...

Assunzione donne con contratto di inserimento, un nuovo requisito: la mancata retribuzione da almeno 6 mesi (decreto sviluppo)
Tra le novità introdotte dal “decreto sviluppo” ne segnaliamo una riguardante l’assunzione con contratto d’inserimento delle donne: è possibile assumere donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, residenti in un'area geografica in cui il tasso di occupazione femminile, determinato con apposito decreto, sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile.

Continua a leggere...

Fine del rapporto di lavoro: verbale di conciliazione non valido se non firmato contestualmente dal rappresentante sindacale e dal lavoratore
La sentenza della Cassazione n. 3237 del 10 febbraio 2011 ha stabilito che in tema di sottoscrizione del verbale di conciliazione si deve rispettare l’iter previsto dall’articolo 411 del codice di procedura civile: le firme del lavoratore e del rappresentante sindacale devono essere apposte contestualmente. In mancanza del requisito della contestualità della sottoscrizione, dunque, può venire

Continua a leggere...

Premi di produttività: detassazione solo a partire dalla sottoscrizione dell’accordo contrattuale La circolare n. 19/E del 10 maggio 2011, emanata dall’Agenzia delle Entrate di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, stabilisce che l’agevolazione dell’imposta sostitutiva del 10% sugli incrementi di produttività parte soltanto dopo la firma del contratto di lavoro. Il datore di lavoro può applicare i riconoscimenti

Continua a leggere...

Premi produttività: tassazione ridotta al 10%, anche in base ad accordi non scritti. Circolare n. 3/E/2011 di Agenzia Entrate e Ministero Lavoro L’Agenzia delle Entrate, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 3/E del 14 febbraio 2011 riguardante l’imposta sostitutiva del 10% sulle componenti accessorie della retribuzione corrisposte in relazione ad incrementi di produttività (art. 1, comma 47 della Legge n. 220/2010).

Continua a leggere...

Finanziamento ammortizzatori sociali in deroga: l’Accordo Stato-Regioni 2011-2012 Lo scorso 20 aprile è stato siglato l’Accordo Stato-Regioni per il finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2011-2012 che proroga per il biennio in questione l’accordo già in vigore per il 2009-2010. Confermato, da parte del Governo, lo stanziamento di 1 miliardo di euro previsto dalla legge di stabilità a cui si aggiungono i 600 milioni residui del biennio 2009/2010. Alle Regioni il compito di concorrere con la parte non utilizzata dello stanziamento di 2.2 miliardi di euro, fino al suo esaurimento.

Continua a leggere...

Contratti a termine per lavoratori in mobilità prorogabili per esigenze tecniche, produttive, organizzative e sostitutive. Il messaggio INPS n 32661/2010Con il messaggio n. 32661 del 27 dicembre 2010, l’INPS comunica che la durata dei contratti a termine per i lavoratori in mobilità (in genere fuori dal campo di applicazione del Decreto Legislativo n. 368 del 2001) può essere prolungata oltre il massimo stabilito dall’art. 8 della Legge n. 223 del 1991 (un anno) se nella motivazione viene riportato una delle cause previste dal suddetto D. L.vo (esigenze tecniche, produttive, organizzative o sostitutive).

Continua a leggere...