andrea cafaIn occasione di EXPO MILANO 2015, il fondo interprofessionale FonARCom lancia un nuovo strumento di finanziamento delle attività di formazione continua, il Voucher Expo, grazie al quale le imprese aderenti potranno proporre e realizzare la formazione dei propri dipendenti in linea con i temi dell’Esposizione universale.

Fonarcom aggiunge così ai temi tradizionali della formazione finanziata un’offerta inedita su tematiche come alimentazione, agrobiodiversità, agricoltura biologica, smart cities e sostenibilità ambientale in genere. Come spiega Andrea Cafà, presidente del Fondo e della Confederazione Datoriale Cifa, “Il Voucher Expo è lo strumento che permetterà alle aziende di confrontarsi con temi nuovi e di sicuro interesse per il proprio futuro, in tempi brevi e a costo zero”. “Si tratta - aggiunge Cafà - di un invito rivolto alle aziende a prepararsi e a migliorarsi, in quanto gli argomenti dell’Expo sono esattamente gli stessi con cui esse debbono confrontarsi per crescere. Del resto, senza investimenti nella capacità di migliorare le competenze aziendali, sia i modelli imprenditoriali innovativi sia le idee di sviluppo sostenibile presenti a Expo sono destinati a rimanere una meravigliosa vetrina che, da sola, non è in grado di produrre quegli effetti di trascinamento necessari a rilanciare lo sviluppo del nostro Paese”.

Marco Paolo Nigi, vicepresidente del Fondo e segretario generale della confederazione sindacale CONFSAL, commenta così la pubblicazione del nuovo strumento: “Per il sindacato è importante incrementare la crescita professionale dei lavoratori anche attraverso strumenti nuovi. Voucher Expo ha la peculiarità di coniugare l’innovazione d’impresa con una storica tradizione italiana, quella del cibo e dell’alimentazione, tra le poche in cui possiamo continuare a eccellere su scala internazionale. Si tratta, dunque, di un’occasione importantissima per lavoratori e aziende, e, in generale, per il lavoro e la crescita”.

Caratteristiche del voucher

-          dotazione iniziale del Fondo 500.000 euro

-          l’avviso è rivolto ad aziende aderenti al Fondo con modalità di accesso “a sportello”

-          il contributo è stabilito in scaglioni variabili in base al numero dei dipendenti dell’azienda per un massimo di 6.300 euro complessivi

-          i percorsi formativi finanziabili prevedono un minimo di 8 ore fino ad un massimo di 16 ore

-          il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 15 maggio 2015