06 OTTOBRE 2010 (ROMA) - Si apprende dalle agenzie giornalistiche dell’avvenuto grave atto intimidatorio ai danni della sede nazionale della CISL a Roma, ad opera di un sedicente movimento “Action diritti in movimento”, e dell’ episodio simile che ha coinvolto la sede del sindacato a Merate.
Nel sottolineare la gravità dell’accaduto, la Confederazione Autonoma CIFA esprime solidarietà al Segretario Generale Bonanni ed alla dirigenza del sindacato CISL, impegnato nella difesa dei diritti dei lavoratori in un quadro generale in rapida e profonda evoluzione che riguarda la contrattazione collettiva ed il dibattito sulla stabilità dello stato sociale e sulla tutela dei diritti dei lavoratori.
“E’ con estremo rammarico che accolgo la notizia dell’atto vandalico alla sede nazionale CISL - commenta il Presidente Nazionale di CIFA Andrea Cafà - e desidero esprimere solidarietà al Segretario Bonanni ed a tutti coloro che anche grazie al contributo di CISL stanno portando avanti con serietà un discorso di cambiamento delle politiche sindacali, nella direzione di un rafforzare l’impegno per cambiare le relazioni industriali e semplificare la contrattazione rendendola più vicina alle esigenze delle aziende e dei territori. Il grave atto odierno deve fare riflettere le Istituzioni sui toni esasperati assunti dal dibattito politico e sociale nel paese - continua Cafà - e per questo, episodi di intolleranza come quello di oggi e quello recentemente occorso al Segretario Bonanni a Torino, devono essere scongiurati ed isolati”.