Si è conclusa la manifestazione Energethica, 5° Salone dell'energia rinnovabile e sostenibile, svoltasi alla Fiera di Genova dal 4 al 6 marzo.
Soddisfatti gli organizzatori dell'evento che ha ospitato oltre 350 espositori, ed ha registrato un flusso di pubblico, risultato ancora più qualificato, in linea con le cifre della precedente edizione.
 
Energethica 2010 ha ospitato, nell'area dedicata alle aziende, tutti i settori rappresentativi delle energie rinnovabili: dall'eolico al fotovoltaico, dalle biomasse al solare termico. L'aspetto innovativo di quest'edizione è stato rappresentato da uno spazio riservato esclusivamente al made in Italy.

Per quanto riguarda la produzione di materiali eco-sostenibili si è contraddistinta Ferrania Solis, controllata dal gruppo Messina e produttrice dal 1923 di pellicole e lastre radiografiche, che è riuscita a sopravvivere grazie al fotovoltaico, vista la crisi subita per via dell'avvento del digitale. «Oggi - come racconta Luisa Tavella, responsabile commerciale del gruppo - 19mila metri quadri dell'area di Ferrania sono destinati alla produzione di pannelli fotovoltaici in silicio cristallino nello stabilimento di Cairo Montenotte (Savona) e proprio grazie alle energie rinnovabili siamo riusciti a rimettere in moto la produzione, tornando a crescere».

Oltre ai soliti spazi dedicati al risparmio e all'efficienza energetica, ampio spazio è stato dato all'Isola della Toscana, un'area espositiva dedicata alle aziende, alle associazioni e alle istituzioni, con l'obiettivo di favorire il dialogo tra ricerca e industria.
Degno di menzione Il Progetto Casa Italiana, che valorizza il lavoro e il marchio «Qualità Italia per l'abitare eco-sostenibile» e che riunisce le ditte italiane innovative del settore. In sostanza si tratta di un prototipo di casa, le cui tecnologie sono state realizzate da aziende nostrane, dove le tecnologie sono improntate alle energie rinnovabili e l'impatto ambientale equivale a zero.

Una curiosità di quest'edizione è stata la presenza insolita di LCR Honda Moto GP, che ha presentato l'obiettivo di effettuare una stagione di Moto GP arrivando a fine anno con un impatto zero. Per realizzare questo sogno eco-friendly sono state adottate tre motrici che utilizzano uno specifico sistema ibrido, il d-gid, che miscela gas e diesel. Grazie a questo sistema i risparmi ecologici raggiunti sono rispettivamente del 20 per cento in termini di CO2, del 30 per cento in termini di idrocarburi e del 50 per cento in termini di particolato. E laddove le emissioni sono inevitabili, come nel caso di un brand del motociclismo, è stato studiato un sistema per compensarle attraverso la riforestazione di alcune aree nel mondo.
 
La giornata conclusiva di Energethica è stata, invece, dedicata alla vita sostenibile dei privati, siano essi cittadini o siano aziende. Dove abitare, quale stile di vita scegliere, come fruire energia. Su questi temi si sono confrontati
- Stefano Dotta, responsabile dell'Osservatorio Bioedilizia;
-Giampaolo Valentini, GdL Efficienza energetica dell'Enea, che si è soffermato sull'impatto pratico che ha avuto l'iniziativa delle detrazioni fiscali del 55 per cento per coloro che intraprendono interventi di riqualificazione energetica del proprio immobile (più di 600mila persone le hanno già utilizzate e il sistema si è rivelato tra i più democratico);
-Alessandro Cecchi Paone, Presidente del Comitato scientifico di Anter, che, dopo aver riflettuto sull'accezione della parola risparmio ed efficienza nella psicologia degli individui, ha raccontato invece del Parco Giochi Energie Rinnovabili, una piccola Disney in versione ecologica senza rischi di far passare il virtuosismo ambientale come un passatempo noioso.
 
Uno dei premi previsti dalla manifestazione fieristica, Premio Energetica al fotovoltaico, è stato consegnato all'architetto Raffaele Astorino, dottorando a Reggio Calabria, per il progetto di riqualificazione energetico-ambientale del Liceo Artistico Mattia Preti di Reggio Calabria. È stata particolarmente apprezzata l'integrazione di varie tecnologie al servizio di una riqualificazione dell'edificio oltre alle considerazioni legate alle dinamiche passive dello stesso a servizio del risparmio energetico.