La Regione Toscana approva il “Piano straordinario della Formazione per la Sicurezza” con il quale intende promuovere il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
- definire un quadro complessivo ed unitario degli interventi attuati, in materia di formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
- programmare azioni e prevedere standard formativi che costituiscano la base per i successivi interventi di formazione che la Regione attuerà in materia di sicurezza; - rivolgere la formazione, attraverso interventi specificamente progettati e rivolti a coloro che non rientrano tra i destinatari di altri interventi formativi finanziati a vario titolo dalla Regione o dalle Province;
 - dedicare particolare attenzione alla formazione degli imprenditori delle PMI, ai lavoratori autonomi, ai lavoratori esposti a rischi specifici, ai Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
- offrire al mondo della scuola un'opportunità significativa di formazione al fine di creare una maggiore attenzione verso i problemi della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro e favorire la progettazione e la realizzazione in qualità di interventi educativi dedicati a questo specifico ambito.
Il Piano prevede il finanziamento di 3.086.200 euro di azioni formative in materia di sicurezza: il 70% a carico del Ministero del Lavoro ed il restante 30% a carico della Regione. Esse saranno rivolte per il 50% ai soggetti del sistema di prevenzione aziendale ed il restante 50% al mondo della scuola. Per quanto riguarda la prima tipologia di interventi, verranno attivate attività formative destinate a varie categorie di lavoratori: tra cui lavoratori stagionali in agricoltura, datori di lavoro di PMI e piccoli imprenditori, preposti dei servizi pubblici locali e imprese private che operano nel settore, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, ecc. Con la seconda tipologia di finanziamenti verranno avviate attività formative destinate ad insegnanti e studenti delle scuole toscane al fine di diffondere la cultura della sicurezza in ambito scolastico. I finanziamenti saranno assegnati a seguito dell'emanazione dei bandi che saranno emanati nel corso dei prossimi mesi.