Dopo un ampio dibattito tra istituzioni e categorie produttive, il Governo ha deciso di modificare la normativa sulla tutela del Made in Italy, oggetto di un intervento nel corso dell'estate. La possibilità di incorrere in sanzioni europee per vincoli alla libera circolazione delle merci ha suggerito un intervento di modifica, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 settembre. Tra le novità, l'istituzione di un made in Italy rafforzato, con una produzione "interamente" realizzata in Italia, soggetta a tutele e sanzioni specifiche in caso di violazioni.

Decreto Legge 25 settembre, n. 135