Crolla del 41% l'eaportazione delle bottiglie di champagne a favore di un aumento del 15% dello spumante italiano. I dati emergono da un'analisi della Coldiretti basata a sua volta sui dati della Fevs (Federazione francese degli esportatori di vini e liquori) e del Forum  Nazionale degli spumanti relativi al primo semestre del 2009. Grazie alla crescita della domanda straniera,  l'esportazione del vino con le bollicine nostrano ha superato il consumo nazionale realizzando un fatturato complessivo annuale di oltre 2,5 miliardi di euro per una produzione di oltre 320 milioni di bottiglie (di cui la metà venduta all'estero). I tedeschi e gli americani sono i principali consumatori dello spumante, seguiti dagli abitanti della Gran Bretagna e dei paesi emergenti.